giovedì 18 febbraio 2010

Dolce Bìa







La sera, mentre il Mio Contadino del Cuore concentrato studia al tavolo del soggiorno, io finalmente mi rilasso accocolandomi sul divano con una copertina di pile sulle gambe e tra le mani la sciarpa che sto sferruzzando (che somiglia sempre più ad un'infinita tela di Penelope, che tesso attendendo che il mio amore torni dal suo lungo viaggio, un viaggio verso algoritmi e articoli di nenotecnologia...) o un ricamo a punto croce.

Non appena conquisto la mia postazione sul divano la Bìa subito mi raggiunge consapevole del fatto che è giunto per lei il momento di ricevere tutte le mie coccole e le mie attenzioni.
Quello è il nostro momento, quello è il momento in cui io mi rendo effettivamente conto di quanta efficacia possa avere la pet-therapy... lo stesso momento in cui è come se lei desiderasse, lasciandosi pastrugnare e intonando un concerto di fusa, farmi capire che è grata delle cure che le riservo. (Ed è in uno di questi momenti che ho scattato le foto di questo post. Purtroppo la qualità non è delle migliori, ma per non disturbare la signorina alzandomi per prendere la fotocamera, le ho scattate con il mio cellulare.)

So che dalle foto che pubblico la Bìa possa dare l'impressione di essere una gatta soprammobile.. ma vi posso assicurare che non è così: a volte trascorre le mezz'ore a correre su e giù per la casa, a rincorrere una nocciolina o a giocare con un suo pupazzetto a forma di topolino fingendo di dargli la caccia...il punto è che è talmente vivace che riesco a fotografarla solo quando dorme o riposa, o nei momenti descritti all'inizio di questo post!
In passato ho avuto diversi animaletti da compagnia e cioè 5 cricetini (nell'ordine: Charlie, Barnie, Buddy, Maddy la mia preferita, e Skippy) e Matilda, una coniglietta nana (che nana poi non era più di tanto), non avevo mai avuto quindi un gatto... e mai avrei pensato che fossero esserini in grado di darti così tanto! E' incredibile la compagnia che sono in grado di fare, i sorrisi che sanno strappare, la tenerezza e l'affetto che sanno donare!E sono fermamente convinta che, se sono riuscita ad uscire dalla nuvole nera che ha oscurato le mie giornate l'autunno e l'inverno dell'altro anno è anche merito suo, delle sue buffe pose ed espressioni e delle sue fusa!

1 commento:

miss Potter ha detto...

SONO VIVA!!!!
Non sono slittata nel lago ghiacciato, ho avuto solo un periodaccio...aimè!
Vedo che hai poi messo la musichetta di sottofondo, ottima scelta!

PS Il cucchiaino che ti piace posso ancora trovarlo dal mio cioccolataio di fiducia...

Baciotti e complimentissimi per l'adorabile Bia

PS un commento al tuo precedente post...ma come può Bigazzi suggerire di mangiare i gatti, pazzesco, probabilmente è la demenza senile!