lunedì 21 febbraio 2011

The great challenge - No new clothes for a year

L'avevo anticipato già in questo post... ho avuto una settimana per pensarci, e ho deciso che, sì, l'avrei fatto, che, sì, lo voglio fare, voglio provare a trascorrere un anno senza acquistare nuovi vestiti. A tal proposito ho caricato, qui a lato dei post sulla destra, un piccolo counter che mi aiuterà a tenere il conto di quanti giorni mancano alla fine della mia personalissima sfida!

A partire da oggi, 21 febbraio 2011, sino al 21 febbraio 2012 non acquisterò vestiti "nuovi", se avrò necessità di qualche capo potrò: farmelo regalare in occasione del mio compleanno o per Natale, comprarlo vintage o di seconda mano (cosa che non credo molto fattibile: non ci sono molti negozi vintage o di seconda mano nella zona dove vivo...) oppure confezionarli (il che, chiaramente comporta l'acquisto del tessuto/bottoni/zip per cucire l'abito) e a tal proposito ho già preso accordi con mia nonna per le prime lezioni in cui imparerò a confezionarmi una gonna (non vi preoccupate, vi terrò aggiornata e documenterò tutto!)...

Credo che il momento più critico sarà forse l'inizio dell'estate (l'anno scorso non ho acquistato molti vestiti e quindo la maggior parte dei capi che possiedo risalgono almeno a due anni fa), o forse l'inizio dell'inverno prossimo (ma forse per quel periodo avrò acquistato sufficiente destrezza con la macchina da cucire da riuscire a confezionarmi anche qualche vestito!)...

Il motivo per cui ho deciso di accettare questa sfida? Perché mi sono accorta che continuo ad acquistare un sacco di vestiti per pochi euro, di bassa qualità che seguono la moda del momento ma non sempre si sposano con il mio stile, per cui poi difficilmente riesco ad abbinarli con quelli che già ho nell'armadio. E poi perché in questi mesi ho davvero un sacco di spese e fra un abito che probabilmente non metterò e un'uscita a cena con amici, preferisco la convivialità della seconda opzione oppure l'acquisto di un bel libro, o potermi permettere una vacanzina carina quest'estate, magari in Spagna...

Cosa spero di ottenere? Una volta trascorso l'"anno di astinenza" spero di aver imparato a fare uno shopping più consapevole, acquistando magari meno capi ma di qualità superiore e del tutto attinenti al mio stile.
Vi terrò aggiornata! per cui.. stay tuned!
Le foto di questo post le ho scattate sabato - una bellissima giornata di quasi primavera - per immortalare i primi timidi fiorellini che hanno fatto capolino nel Bucolico Giardino... qui da noi vengono chiamati "Gli occhietti della Madonna".. Stanno spuntando anche nei vostri giardini? E voi come li chiamate?

5 commenti:

Laura ha detto...

Iniziativa interessante. Faccio il tifo per te!

Euphorbia ha detto...

Complimenti per l'iniziativa! Ovviamente avrai tutto il mio supporto.
Un bacio
Elena

caia coconi ha detto...

ancora non mi capacito come tu abbia potuto prendere una decisione simile, ma ovviamente son qui che faccio il tifo per te e aspetto news ;)
comunque la parte più interessante mi sembra quella delle lezioni di cucito. sono cose che restano e potrai far fruttare in mille modi.
in bocca al lupo!

miss Potter, ha detto...

Ma è un progetto che ti può portare ad una profonda crisi.... ;)

PS anche qui sono gli occhietti della madonna...vedi, inizi già ad avere visioni mistiche :)

Bacionissssimi
sandy

Margherita ha detto...

Progetto davvero molto serio, hai tutto il mio sostegno.
I fiori? Qui è ancora presto, sono di questi ultimi giorni i primi bucaneve ..... anche se neve non ce n'è più da tempo.
Ciao
Margherita