lunedì 29 novembre 2010

Ritratto

Oggi avrei voluto scrivere un post sulla dolcezza e l'allegria del week end appena trascorso... ma ho dimenticato la mia Nanà (ndr la mia fotocamera) a casa dei miei, dove ieri abbiamo festeggiato il compleanno della mia sorellina e quindi l'avevo portata con me per immortalare in qualche scatto i fausti festeggiamenti...
Quindi ho deciso di scrivere un post su uno dei quadri che amo di più in assoluto...
Qualche anno fa, poche settimane prima del giorno della discussione della mia tesi, ho organizzato un viaggetto di qualche giorno con la mia mamma a Madrid, io e lei da sole. Ci siamo divertite tanto, abbiamo visitato un sacco di musei ed esposizioni, abbiamo mangiato un sacco di cibi squisiti, e abbiamo fatto anche un sacco di shopping.
Durante questo viaggetto, visitando il Museo del Prado, abbiamo avuto l'opportunità di visitare questa esposizione sulla ritrattistica nell'arte spagnola, e osservando i vari ritratti sono stata molto colpita da questo quadro:

Ritratto di Donna Amalia de Llano y Dotres, Contessa di Vilches di Federico de Madrazo

Non saprei spiegarvi esattamente il perché, ma quando l'ho visto ho avvertito una sensazione di familiarità, come se conoscessi già la dama ritratta... Ho subito pensato che avrei tanto voluto vivere in quel quadro, essere quella ragazza, con quell'abito meraviglioso, il bracciale molto simile a quello che portavo io e quell'espressione così mite, dolce e serena, eppure così gioiosa e vivace...
Chissà cosa sta pensando? Magari il gentiluomo di cui era segretamente innamorata l'ha appena chiesta a suo padre in moglie... oppure fantastica sul ballo a cui andrà stasera...

Quando abbiamo terminato la visita, nel bookshop del museo, ho acquistato un segnalibro con quel ritratto, che mi conduce in un altro mondo ed in un'altra epoca ogni volta che apro il mio libro...

E voi? C'è un quadro a cui siete particolarmente legate?

Buona settimana!

2 commenti:

la Dama del Bosco ha detto...

Non ci sono quadri cui sono particolarmente affezionata, ma tra i pittori amo profondamente Tiziano e Caravaggio.
Questa donna del ritratto che hai pubblicato emana solarità, è bellissima, ho la sensazione di averla vista, come se fossimo amiche ^^
Un abbraccio,
fulvia

Anonimo ha detto...

Ho visto il quadro l'estate scorsa. Mi ha stregato. Anch'io tengo gelosamente nella mia agenda il segnalibro.
Non so spiegare le ragioni, ma credo sia l'espressione molto naturale e serena della dama, oppure il sottile erotismo che emana, la naturalità dell'espressione e della postura...non so, forse è un quadro per me magico.
Enrico