mercoledì 21 luglio 2010

Languida Como

Penso di essere molto fortunata: vivo in una delle zone più belle d'Italia. A pochi minuti da casa nostra, tra alte montagne che degradano dolcemente e poi improvvisamente scendono rapide nell'acqua, specchiandosi vanitose in essa, si adagia orgogliosa Como. Una città che, come una anziana e ricca zia, dell'indiscutibile buon gusto, mi ha adottata ormai grandicella (sono Milanese per nascita, fino a pochi anni fa ho vissuto in un paesotto in provincia di Milano), una città di cui sono follemente innamorata. Una città ricca di contrasti, una città deturpata da un folle muro, eppure così bella da togliere il fiato.

Una città che sabato sera ci ha regalato una bellissima passeggiata al tramonto, mentre a piedi raggiungevamo, in compagnia dei nostri amici, il ristorante in cui abbiamo festeggiato il compleanno del mio Ulisse, ristorante che si trova all'interno del parco di Villa Olmo e che offre una splendida vista panoramica sul lago.

La sua fresca brezza ci ha accompagnato per tutta la cena, mentre dalla terrazza osservavamo il panorama farsi sempre più languido mentre il sole piano piano si nascondeva tra alcune nuvole.

Temevamo che le nubi portassero una forte tempesta, ma in realtà, in compagnia del vento, hanno semplicemente rinfrescato la serata, andandosene durante la notte e lasciando spazio ad un incontaminato cielo turchese e ad una perfetta e cristallina giornata di sole.

1 commento:

Euphorbia ha detto...

che splendide foto!!!
Elena